Logo per la stampa

Provincia Autonoma di Trento - Servizio per il Sostegno Occupazionale e la Valorizzazione Ambientale

 
 
 

Le attività a favore del sostegno occupazionale

Il Servizio si occupa dell'assunzione delle persone provenienti dalla lista di mobilità e dalla lista di disoccupazione segnalate dal Servizio Lavoro e in residuali casi, dell'assunzione con contratto a tempo determinato (lavoro stagionale) delle persone disoccupate senza i requisiti per accedere al Progettone iscritte nelle liste di collocamento.
L'assunzione avviene per mezzo di cooperative di produzione e lavoro o loro consorzi e cooperative sociali o loro consorzi, cui è affidata per mezzo di apposite convenzioni l'esecuzione delle opere e dei servizi.
Prima di procedere alla collocazione del personale, il Servizio effettua colloqui di gruppo e colloqui individuali al fine di approfondire la conoscenza di ogni soggetto ed individuare il posto di lavoro più adatto alle caratteristiche individuali. La destinazione dei lavoratori e delle lavoratrici avviene tenendo conto delle esperienze lavorative precedenti, delle attitudini, delle potenzialità rilevate, delle predisposizioni manifestate in sede di colloquio, delle eventuali limitazioni e della residenza.
Le informazioni raccolte durante i colloqui vengono poi incrociate con le richieste di personale che provengono dagli enti pubblici dislocati sul territorio. Gli enti pubblici - Comuni, Comprensori, Musei, Biblioteche, Centri di raccolta materiali, Case di riposo, ecc. - divengono quindi i destinatari del personale in relazione ai rispettivi fabbisogni di manodopera.
Nel corso del rapporto di lavoro sono frequenti i trasferimenti del personale tra i diversi luoghi di lavoro e le molteplici attività lavorative. Ciò al fine di ricercare la situazione lavorativa più confacente alle aspettative dei soggetti e meglio rispondere alle esigenze manifestate dagli Enti pubblici ove il personale è assegnato.

Requisiti:


I lavoratori iscritti in lista di mobilità o nella lista di disoccupazione vengono segnalati dalla Commissione provinciale per l'impiego istituita presso il Servizio Lavoro.
Con delibera della Giunta Provinciale n. 2049 di data 20 novembre 2015, sono stati modificati i requisiti per l' accesso e le condizioni e modalità di assunzione negli ambiti di attività di cui alla L.P. 27 novembre 1990, n. 32.
Per chiarimenti telefonare al Servizio per il Sostegno Occupazionale e la Valorizzazione Ambientale al numero 0461/496123.

Per chi è stato licenziato fino al 31/12/2010 (vedi tabella A):

  1. età: 50 anni per gli uomini, 45 anni per le donne;
  2. residenza in Provincia di Trento da almeno cinque anni;
  3. iscrizione in lista di mobilità;
  4. possesso di anzianità contributiva, utile alla maturazione dei requisiti pensionistici, pari ad almeno 10 anni (per entrambi l'anzianità contributiva è di 10 anni fino ai 55 anni di età, dai 56 anni in poi aumenta di un anno ogni anno di età).

Per chi è stato licenziato dal 01/01/2011 al 31/01/2012 (vedi tabella A):

  1. età: 51 anni per gli uomini, 46 per le donne;
  2. residenza in Provincia di Trento da almeno cinque anni;
  3. iscrizione in lista di mobilità;
  4. possesso di anzianità contributiva, utile alla maturazione dei requisiti pensionistici, pari ad almeno 12 anni per gli uomini e ad almeno 11 anni per le donne (l'anzianità contributiva è di 11 anni per le donne fino ai 49 anni di età poi aumenta 12 anni dai 50 ai 57 anni, dai 58 anni in poi aumenta di un anno ogni anno di età. L'anzianità contributiva è di 12 anni per gli uomini fino ai 57 anni di età, dai 58 anni in poi aumenta di un anno ogni anno di età).

TABELLA A

 LICENZIATI FINO
AL 31/12/2010
*
LICENZIATI DAL
01/01/2011 AL 31/01/2012*
ETÀ ANAGRAFICAanni di contribuzioneanni di contribuzione
uominidonneuominidonne
45---10------
46---10---11
47---10---11
48---10---11
49---10---11
501010---12
5110101212
5210101212
5310101212
5410101212
5510101212
5611111212
5712121212
5813131313
5914141414
6015151515
6116161616
6217171717
6318181818
6419191919

*l’età e i contributi vanno calcolati al momento della presentazione della domanda

Per chi è stato licenziato dal 01/02/2012 al 13/03/2013 (vedi tabella B):

  1. età: 53 anni per gli uomini, 49 anni per le donne;
  2. residenza in Provincia di Trento da almeno 5 anni;
  3. iscrizione in lista di mobilità;
  4. possesso di anzianità contributiva, utile alla maturazione dei requisiti pensionistici, pari ad almeno 15 anni per uomini e donne (per entrambi l'anzianità contributiva rimane di 15 anni fino ai 61 anni di età, dai 62 in poi aumenta di una anno ogni anno di età).

Per chi è stato licenziato dal 14/03/2013 (vedi tabella B):

  1. età: 53 anni per gli uomini, 49 anni per le donne
  2. residenza in Provincia di Trento da almeno 5 anni
  3. iscrizione in lista di mobilità (per approfondimenti consultare il punto 1) dell'allegato alla deliberazione 387/13)
  4. essere in stato di disoccupazione
  5. possesso di anzianità contributiva, utile alla maturazione dei requisiti pensionistici, pari ad almeno 15 anni per uomini e donne (per entrambi l'anzianità contributiva rimane di 15 anni fino ai 61 anni di età, dai 62 in poi aumenta di una anno ogni anno di età)
  6. avere, al momento della presentazione della domanda di accesso al Progettone, un numero di anni mancanti alla maturazione dei requisiti minimi per il pensionamento non superiore a 10

Per chi è stato licenziato dal 20/11/2015 (vedi tabella B):

  1. età: 53 anni per gli uomini, 49 anni per le donne;
  2. residenza in Provincia di Trento da almeno 5 anni;
  3. iscrizione in lista di mobilità (per approfondimenti consultare il punto 1) dell'allegato alla deliberazione 2049/15;
  4. essere in stato di disoccupazione;
  5. possesso di anzianità contributiva, utile alla maturazione dei requisiti pensionistici, pari ad almeno 15 anni per uomini e donne (per entrambi l'anzianità contributiva rimane di 15 anni fino ai 61 anni di età, dai 62 in poi aumenta di una anno ogni anno di età);
  6. avere, al 30 settembre di ogni anno, un numero di anni mancanti per la maturazione dei requisiti minimi per il pensionamento non superiore a 8;

TABELLA B

 LICENZIATI SUCCESSIVAMENTE AL
01/02/2012**
ETÀ ANAGRAFICAAnni di contribuzione
uominidonne
49---15
50---15
51---15
52---15
531515
541515
551515
561515
571515
581515
591515
601515
611515
621616
631717
641818
651919

** l’età e i contributi vanno calcolati al momento del licenziamento

N.B.: non è possibile l'inserimento nei lavori socialmente utili di lavoratori/ici che abbiano raggiunto il primo requisito utile per il diritto alla pensione anticipata o di vecchiaia.

 

Possono essere segnalati al Progettone i lavoratori iscritti alla lista di disoccupazione se licenziati per giustificato motivo oggettivo.
I lavoratori iscritti nella lista di disoccupazione, licenziati per giustificato motivo oggettivo possono presentare domanda di accesso alle attività del Servizio per il Sostegno Occupazionale e la Valorizzazione Ambientale inoltrando un apposito modulo alla Commissione provinciale per l'impiego (presso il Servizio Lavoro della P.A.T.).
La presentazione della domanda può avvenire decorsi almeno dieci mesi dalla data di iscrizione nella lista di mobilità.

Sono inoltre iscritti in lista di mobilità, ai sensi della legge 223/91 (mobilità nazionale), i lavoratori licenziati per giustificato motivo oggettivo da imprese che occupano più di 15 dipendenti e rientranti nel campo di applicazione della Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria. Essi percepiscono un'indennità di mobilità, erogata dall'Inps, per una durata correlata all'anzianità anagrafica del lavoratore.
I lavoratori iscritti in lista di mobilità in base alla legge 223/91 non devono presentare alcuna richiesta; la segnalazione per l'occupazione nelle attività del Servizio per il Sostegno Occupazionale e la Valorizzazione Ambientale è effettuata in modo automatico dal Servizio Lavoro, al termine del godimento dell'indennità di mobilità.
Il Servizio per il Sostegno Occupazionale e la Valorizzazione Ambientale provvede all'occupazione dei lavoratori segnalati dal Servizio Lavoro.
Le assunzioni avvengono presso cooperative di lavoro o consorzi di cooperative a cui il Servizio affida la realizzazione di opere e di servizi per mezzo di apposite convenzioni.
Le assegnazioni del personale avvengono in relazione alle richieste inoltrate dagli enti eventi titolo ed alle necessità occupazionali derivanti dalla realizzazione delle attività programmate.

 

ASSUNZIONI STAGIONALI 2016

Con deliberazione della Giunta provinciale n. 215 del 26.02.2016, sono stati approvati i requisiti e le modalità di gestione degli inserimenti lavorativi nelle attività stagionali di cui dalla L.P. 32/90.
Chi è in possesso dei requisiti indicati nella deliberazione 215/2016 può presentare la domanda di assunzione stagionale presso il Servizio, i Centri per l'Impiego e gli uffici periferici della P.A.T. dislocati sul territorio provinciale.

 
Link utili
Download
 
 
credits | note legali | Intranet | scrivi al gruppo web | Cookie Policy